24 gen 2006

Si vola ad Angoulême!


Ed eccoci qua! Vi aspetta un altra lunga pausa di aggiornamenti perchè domani parto alla volta del "BDfestival de Angoulême", la più importante fiera del fumetto a livello europeo! Sarò in buona compagnia...la nostra punta di diamante in oltralpe, Claudio, il mio compare sceneggiatore Giovanni e il fido disegnatore di Jek Vans, Gianluca. Una missione impossibile per cercare di lasciare qualche traccia della nostra creatività anche nei paesi francofoni. Non so in che stato torneremo, ma sicuramente sarà un'avventura massacrante e divertente. Appena torno prometto un ampio reportage.
Voi non immaginate nemmeno che aria si respira in quella fiera...dove ti ritrovi al bar con personaggi del calibro di Lorenzo Mattotti, Jean Van Hamme o Juan Jimenez senza neanche accorgertene! Ovviamente in ogni fiera che si rispetti saremo circondati da altri italiani in cerca di fortuna...ma si sa, noi siciliani abbiamo una marcia in più. Quindi incrociate le dita e augurateci in bocca al lupo!

23 gen 2006

Daniel Craig è il nuovo 007!


Chi mi conosce da più tempo sa che la saga di 007 ha sempre avuto un posto di affetto speciale nel mio cuore di fan. Forse perchè sono cresciuto con i film di Roger Moore, forse perchè i grandi attori che l'hanno interpretato (Sean Connery su tutti ovviamente, ma io metto come secondo proprio l'ultimo, Pierce Brosnam) mi sono sempre piaciuti in generale, forse per il gusto di non prendersi mai troppo sul serio del personaggio mentre salta e spacca, forse per il suo lato vizioso a base di alcool e fumo (nei film sempre più censurato purtroppo), forse per tutte queste cose messe insieme. Anche se a molti hanno lasciati perplessi, i film con Pierce Brosnam a me sono piaciuti (quasi) tutti molto, su tutti comunque Goldeneye e Il Mondo non Basta" (con la splendida Sophie Marceau!!!). Quello che forse mi ha lasciato veramente insoddisfatto è proprio l'ultimo, "Die Another Day" (per ora confondo sempre i titoli italiani con quelli americani).
Ora, dopo un tira e molla legale e produttivo con Brosman che fino alla fine non si sapeva se avrebbe recitato il suo quinto film su 007, ecco che si tirano fuori il sesto volto di 007 per il grande schermo: DANIEL CRAIG!

Ovviamente attore inglese, ma anche abbastanza sconosciuto: ho letto la sua recente filmografia e non c'era un solo titolo che conoscessi e/o avessi visto (tranne Tomb Raider...ma si sa, il cinema lo frequento poco). La sorpresa più grande però è nella storia; il film infatti sarà l'adattamento del primo romanzo di Ian Fleming: CASINO ROYALE, che tanti adattamenti ha avuto (tra cui una splendida parodia su regia di Woody Allen) ma mai una trasposizione "seria". E proprio per rientrare nell'atmosfera originale di Fleming l'altra notte ho riletto le prime 10 pagine del romanzo (si, ho tutti i romanzi originali di Fleming) scoprendo che a pagina due Bond afferma con noncuranza che in una giornata fuma settanta (dico: 70!) sigarette e in una serata al casinò si è fatto fuori 4 cocktail martini....un vizioso insomma. Il personaggio di Fleming, molto più maledetto e ombroso di quello cinematografico, restituisce tutto il sapore della tensione politica degli anni in cui scriveva l'autore.
Speriamo che con questo film sappiano riportare alle origini un personaggio molto più affascinante di quella macchietta di eroe donchisciottesco che sta diventando...perchè voi forse non lo sapete, ma James Bond è uno dei personaggi letterari con più apocrifi e fanfiction autorizzate, e non, subito dopo Sherlock Holmes. E se andate sul sito che ho linkato sul titolo ne avrete un assaggio.

07 gen 2006

Sbarco sul pianeta ISCANDAR!


Un piccolo messaggio di servizio: Martedì 10 gennaio dalle ore 17:30 sarò in diretta come ospite alla trasmissione sui fumetti e l'animazione di Rai Futura, Iscandar! Ebbene si, la mia prima apparizione televisiva! Anche se siamo soltanto sul digitale terrestre (canale RAI DOC), è pur sempre una bella soddisfazione. Per chi non lo sapesse Rai Futura è un progetto di televisione sperimentale, condotta da giovani per i giovani, che trasmette credo dalle 14:00 alle 18:00 sul canale digitale terrestre Rai Doc.
Inoltre vi dico che mi accompagnerà una bravissima disegnatrice, Michela Cacciatore, con la quale stiamo preparando un nuovo progetto. Forse il progetto più ambizioso e difficile che abbia mai scritto...ma non voglio anticiparvi nulla. Sentirete in diretta quello avrò da dire al riguardo. E vedrete con i vostri occhi la bravura di Michela, che improvviserà in diretta alcuni schizzi per la gioia dei telespettatori!
E poi ovviamente uno sguardo al futuro dei vari progetti che ho in ballo: Avalonia, Jek Vans, Villa Transilvania, più quelli ancora in forse e tutto il resto! Insomma, per parafrasare uno slogan quanto mai calzante: Di tutto, Di più!
Mi raccomando, sintonizzatevi numerosi. Per tutti quelli che non hanno il decoder per il digitale terrestre invito a visitare il sito di Rai Futura dove le puntate credo vengano trasmesse in streaming audio-video. A martedì pomeriggio!

06 gen 2006

Nella vita c'è bisogno di "Coupling"!


Voi lo sapete. Sono un po' teledipendente. La televisione, quella non trash dei reality e dei varietà, riserva ancora qualche chicca d'intrattenimento che secondo me vale la pena guardare. Cartoni su MTV, telefilm vari su Italia 1 e Rete 4 a parte, c'è da dire che la stessa MTV propone da qualche tempo delle divertissime sit-com. Forse le mie preferite dopo i lunghi successi di Friends e Will&Grace. La prima è Scrubs, Medici ai primi ferri. E poi c'è COUPLING, la risposta inglese a Friends e direi anche a Sex & the City. Dicono della serie qui:

(22-10-2004) "Coupling" è una nuova provocatoria commedia. Audace, sfrontata, nasce in Inghilterra e viene prontamente ripresa negli USA. Piacciono i dialoghi frizzanti, i tono giocosi, le situazioni realistiche infarcite di umorismo per sdrammatizzare quella che è poi la realtà, in particolare per la generazione attuale di trentenni-quarantenni.
La serie è uno sguardo disincantato e disinibito sul modo in cui si evolvono le relazioni tra sei amici, in equilibrio precario tra amicizia e amore, tra un continuo prendersi e lasciarsi, tra nevrosi e situazioni tragicomiche. ”Coupling” è un romanzo moderno.

Al centro c’è una coppia, Susan (Sarah Alexander) e Steve (Jack Davenport). In realtà nel loro rapporto non sono da soli; entrambi vi hanno portato il proprio bagaglio. Si tratta di una folla di migliori amici ed ex fidanzati che parlano senza pudore di relazioni amorose e di sesso, nell’infinita ricerca di trovare il vero amore.
Amici trentenni, frequenti complicazioni, incomprensioni dovute al diverso ”lavoro” della psiche maschile e femminile, sembrerebbe la stessa formula di "Friends". Se molti sono i punti di contatto, innumerevoli sono le differenze. In primis Coupling è molto più tagliente ed ha un linguaggio molto più esplicito e diretto.
Susan è bella, ambiziosa e disinibita. Patrick (Ben Miles) è il più carismatico del gruppo, il conquistatore. L’attraente Sally (Kate Isitt) è la migliore amica di Susan che combatte l’avanzare dell’età con una dose massiccia di creme idratanti e di uomini, incluso Patrick. Intanto, Steve, mentre è impegnato ufficialmente con Susan, non sembra essersi staccato dalla sua vivace ex fidanzata Jane (Gina Bellman) una donna che fa molto affidamento sulla sua capacità di sedurre qualsiasi persona dell’altro sesso e che non sopporta di essere scaricata. Jeff (Richard Coyle), amico di Steve, lavora nello stesso ufficio di Susan e con lei ha avuto una disastrosa avventura di una notte.

Vi consiglio di cercare nei vostri televideo la programmazione. Ne vale davvero la pena. A scanso di equivoci vi dico che gli americani, troppo invidiosi del successo della sit-com, hanno subito preparato il remake, che credo sia già in onda (non in Italia). Se cercate quindi qualcosa sulla serie...state attenti ai personaggi di cui parlano! Quelli originali sono quelli descritti qui sopra e quelle in alto le loro facce! Non lasciamo che il maledetto showbiz schiacci a suon di dollari la genuina popolarità di questa serie, prodotta veramente con due pound! Lasciamo che la creatività vinca sul budget!

03 gen 2006

Gli ultimi avvenimenti del 2005!

Ciao a tutti! Vi ho fatto passare gli ultimi dell'anno senza la mia amabile compagnia...ma adesso eccomi qui per un breve riassunto delle tante cose belle e interessanti che mi sono successe in questi giorni a cavallo tra un anno e l'altro.

Prima di tutto l'arrivo del mio amico Stefano da Roma: per quattro giorni l'ho portato in giro per Palermo in posti dove c'è qualcosa da vedere, dove si mangia, e dove si pomicia. Si, perchè sono arrivato alla grande conclusione esistenziale che la mia città natale è strutturata in questo modo: in ogni posto in cui c'è qualcosa da vedere (che sia il Teatro Massimo, la Cattedrale, lo Spasimo), c'è sempre vicino un posto dove mangiare (panellari, meusari, gelaterie, trattorie tipiche, etc) e sempre nei pressi c'è un posto dove la gente si imbosca ad amoreggiare. Non so se esserne fiero, ma comunque posso affermare con sicurezza che è una caratteristica tutta siciliana. Quindi nel bene e nel male la accetto...perchè in fondo è anche abbastanza folkloristica. E Stefano e la sua zzita (fidanzata) di mangiare non ne potevano più...però hanno avuto la forza di eleggere come loro compagna di tutto il viaggio la mitica arancina-bomba del famigerato Bar Touring! Inutile che cerchiate di minimizzare...solo chi l'ha provata capisce veramente quale capolavoro della più sporca e unta tradizione culinaria siciliana sia!

Ma tra un panino con le panelle ed una pasta con le sarde abbiamo anche avuto l'occasione di andare a vedere un fantastico concerto dellaPFM, il mitico gruppo progressive-rock che ha resistito agli anni 70, rinnovando il suo successo negli anni 90. Devo essere sincero....seguo la PFM da una decina d'anni e questo sarà credo il quinto concerto che vado a vedere. E sembra incredibile a dirsi, ma l'energia che hanno messo questa volta nel suonare i loro evergreen come "La carrozza di Hans", "Impressioni di Settembre", "Maestro della Voce" e "Celebration"....senza tralasciare la loro solita strepitosa versione de "Il pescatore" di De André...mi ha davvero toccato ed emozionato come poche altre volte. Bello. I colpi di batteria che ti entravano nel petto, la chitarra di Mussida che parlava con i brividi, le tastiere di Premoli che ti portavano in un turbine di suoni...Bello! Bello! Bello! Ognuno sceglie la colonna sonora della sua vita...la mia é un pò fuori generazione. Perchè adoro tutta la musica italiana e straniera degli anni 70...che non ho affatto vissuto, ma che secondo me ha lasciato tantissimo a tutto quello che è venuto dopo.

Ultimo ma non ultimo, reduci da un fantastico pranzo a base di specialità siciliane a pranzo, il 31 ci siamo incamminati verso il nostro veglione di Capodanno, in compagnia di tutti i ragazzi del Gruppo Trinacria. Grande divertimento, come sempre. E se notate la faccia di Stefano (maglione arancione) nella foto sotto, noterete quanto la caponatina del pranzo stesse combattendo contro la salsiccia con le patate della sera!

Insomma una fine dell'anno sotto tutti gli aspetti positiva. Per non sembrare uno che si bagna i piedini nella battigia (come dice Gianluca, l'autore di Jek Vans) vi comunico che sono tornato schiavo del monitor a lavorare...ma non per questo mi dimentico di fare a tutti (amici vicini e lontani) tantissimi e sinceri auguri per un 2006 carico carico di...(riempire i puntini).